Schiacciata pasquale, il dolce della Toscana

 

14 marzo 2019
0 commenti

La Pasqua vi sembra ancora lontana? In realtà cade tra poco più di un mese ed è arrivato il momento di cominciare pensare ai dolci della tradizione, tanto per non farsi trovare impreparati. 

Oggi proponiamo la ricetta della schiacciata pasquale, il dolce tradizionale della Toscana: si tratta di un antico dolce diffuso a Pisa, Grosseto, Firenze e Livorno, si prepara in occasione della Quaresima ed è un dolce estremamente morbido e lievitato.

È un dolce antico, la cui origini risalgono all’Ottocento quando le famiglie contadine utilizzavano grandi quantità di uova e si dedicavano a una lunga lievitazione. 

Schiacciata pasquale, il dolce della Toscana





850 g di farina | 250 g di zucchero - 170 g di burro - 25 g di olio extra vergine | 4 uova e 2 tuorli - 25 g di semi d’anice - 40 g di lievito di birra | buccia grattugiata il succo di un limone - Buccia grattugiata e il succo di un’arancia mezzo bicchiere di Vin Santo
La preparazione del dolce non è difficile, ma prevede tre diversi tipi di lievitazione. Il primo impasto si prepara lasciando sciogliere circa 40 grammi di lievito di birra in una tazza con 125 grammi riempita di acqua o latte tiepidi con l’aggiunta di 150 di farina e un cucchiaino di zucchero.
Mescolate bene tutti gli ingredienti e lasciate lievitare all’interno di un luogo tiepido: perfetto anche il forno spento esempio. Lasciate lievitare per circa 20 minuti e poi mettete i semi di anice a bagno all’interno del Vin Santo, aggiungete la buccia grattugiata di un limone e di un’arancia, un cucchiaio di zucchero semolato.
Aggiungete all’impasto metà di tutti gli ingredienti, praticamente 340 grammi di farina, 2 uova intere e 1 tuorlo, metà dello zucchero, metà del burro un po’ ammorbidito, 25 g di olio extravergine di oliva, i semi d’anice, la metà del Vin Santo, un pizzico di sale, la metà del succo e della scorza di limone e arancia grattugiati.
Non appena l’impasto sarà diventato abbastanza morbido e omogeneo, lasciatelo lievitare in forno al minimo, a circa 40 gradi e dopo un’oretta circa sarete pronti per la terza lievitazione. Aggiungere la seconda metà degli ingredienti continuando a impastare come prima. La terza lievitazione va fatta direttamente nella teglia dove la schiacciata verrà cotta.
Prendete l’impasto, versatelo sul piano di lavoro, ungete la teglia, disponetevi l’impasto. Rimettete a lievitare tutto all’interno del forno per circa 3 ore e al termine della lievitazione togliete la teglia dal forno e spennellatela con le chiare d’uovo messe da parte.
Spennellate la schiacciata e rimettetela ancora in forno per circa 50 minuti a 160° circa. Terminata la cottura lasciate riposare il dolce in forno per altri 10-15 minuti e lasciatela raffreddare del tutto prima di servirla. 


[photo courtesy of thinkstock]

La schiacciata di Pasqua è una sorta di pan dolce che viene arricchito da uova, zucchero e aromi: attenzione particolare deve essere posta all’ambiente visto che la temperatura e l’umidità dovrebbero essere costanti per favorire la corretta lievitazione del dolce. 

PASQUA, CONIGLIETTI CON COCCO E CON CIOCCOLATO 

PASQUA, IL DOLCE A TRE STRATI VEGANO

PASQUA, LA RICETTA DEI BISCOTTI QUARESIMALI

 

 

Commenta!

Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

Articoli Correlati
Siamo spiacenti ma al momento non esistono articoli correlati per Schiacciata pasquale, il dolce della Toscana.