La torta di nozze, istruzioni per l’uso

 
Claudia
23 Marzo 2011
Commenta

Abbiamo parlato tanto di torte nuziali senza soffermarci mai sui particolari del galateo ad esempio, anche se sappiamo che alcune usanze sono state perse ci sono quelle due o tre regole che sarete poi voi a decidere se rispettare o meno.

Innanzi tutto, la tradizione della torta nuziale come regina della festa, insieme alla sposa, arriva dritta dritta dall’Inghilterra. Abbiamo visto, passando per le torte da matrimonio preparate in casa, che già ai tempi dell’Antica Roma gli sposi festeggiavano con un dolce, e una torta veniva donata alla sposa per favorire la sua fertilità, ma la tradizione della Wedding Cake, la grandissima torta a piani, prima bianca e come abbiamo potuto vedere, anche colorata ed estrosa, è un’usanza, diventata tradizione, molto più recente. Ne troviamo le prime tracce, proprio in Inghilterra, verso la fine dell’Ottocento e qui in Italia invece dagli anni ’20 in poi.

Indipendentemente dai piani e dalle farciture la torta finisce con l’essere la regina della festa anche perché il pasticciere di fiducia a cui ci siamo affidati farà di tutto non solo per la perfetta riuscita del banchetto, ma anche per procacciarsi altri lavori, e anzi, forse voi stesse vi siete affidate a qualcuno proprio per una torta già vista a un ricevimento, e questa regola, del passaparola, vale sempre.

I camerieri portano la torta al tavolo, oppure saranno gli invitati che si sposteranno nella sala in cui è stata accomodata la torta. Foto e filmati immortaleranno il momento, e confidate nella bravura del fotografo e dell’operatore video, altrimenti dovrete ripetere brindisi, baci e taglio della torta anche più di una volta! La prima fetta la tagliano gli sposi, e l’usanza sarebbe quella di offrirla al padre della sposa, per ringraziarlo del banchetto (ci auguriamo che la cifra spesa non sia stratosferica, altrimenti mi sa che una fetta di torta come ricompensa non potrebbe bastare!).

I camerieri tagliano le altre fette di torta, che gli sposi possono porgere ai loro familiari, mentre i camerieri stessi inizieranno a distribuirle tra gli invitati. Sempre la tradizione vuole che la sposa porga la seconda fetta alla suocera, e la successiva alla madre… provando così a seppellire un’ascia di guerra sotto strati di crema e panna e sperando di non dover combattere una guerra senza fine con la donna che ha generato suo marito… una guerra all’ultima fetta di torta!

[photo courtesy of ThinkStock]

Commenta!

Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

Articoli Correlati
Non solo torte di nozze: il buffet di caramelle

Non solo torte di nozze: il buffet di caramelle

Prendiamo grandissime ispirazioni di stile e di tendenze dagli Stati Uniti, ma a volte anche dall’Inghilterra, e come in questo caso questa nuova originalissima moda arriva proprio da questi due […]

Dolci per il matrimonio, non solo torte nuziali

Dolci per il matrimonio, non solo torte nuziali

Molti di voi, proprio come me, avranno partecipato a dei matrimoni in questi ultimi anni. Chi più chi meno, chi piacevoli cerimonie di amici e parenti, chi noiosissime cerimonie di […]

Cake Design per le torte nuziali, ma chi sono i cake designer?

Cake Design per le torte nuziali, ma chi sono i cake designer?

Facciamo un passo indietro prima di arrivare al dunque, ovvero alla torta per le nozze. Il mestiere del cake designer sta ormai prendendo piede anche in Italia, sono molti i […]

Direttamente dal web le torte nuziali più belle!

Direttamente dal web le torte nuziali più belle!

Ne abbiamo già parlato, anche l’aspetto più goloso del matrimonio, la torta nuziale, si è trasformato in una questione di business e di moda, ma anche di originalità e creatività, […]

Torte nuziali di muffin e cupcake

Torte nuziali di muffin e cupcake

Anche le nozze non possono essere esentate dal seguire le mode, anzi! Possiamo forse dire che proprio i matrimoni sono i primi a seguire le tendenze, partendo dalla moda, passando […]