Torrone morbido, una ricetta perfetta per le feste

 

20 dicembre 2011
0 commenti

torrone morbido ricetta festaLa storia del torrone affonda le sue radici nell’antica cultura culinaria non solo del nostro paese, ma anche delle terre vicine. In Italia consideriamo da sempre questo dolce morbido e croccante originario di Cremona, infatti la testimonianza scritta del primo torrone preparato e servito risale al 1441, durante i festeggiamenti delle nozze tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti. La forma del dolce andava a richiamare quella del Torrazzo, la torre campanaria della città.

Il fatto è che anche a Benevento ci sono tracce delle prime ricette del torrone, ben più antiche, infatti risalgono ai tempi dei romani. E infine sembra che siano stati gli Arabi a portare sia in Italia che in Spagna un dolce, il turun, molto simile al torrone. Ad ognuno la sua storia, fortunatamente la ricetta del torrone è giunta fino a noi!

Torrone morbido





250 gr. mandorle dolci (pelate) | 250 gr. nocciole (pelate) | 200 gr. miele | 1 albume | 400 gr. zucchero a velo | ostie per dolci
Mettere a tostare le mandorle e le nocciole, o in una padella antiaderente oppure sistemandole sulla placca del forno e infornandole a calore moderato fino a quando saranno dorate.
Sbattere l'albume a neve ferma nel frattempo e incorporarvi quindi il miele, mescolando fino ad ottenere un composto uniforme. Unire lo zucchero a velo setacciato.
Trasferire tutto in un pentolino e cuocere a bagnomaria, fino a quando il composto di zucchero, miele e albume non tenderà a solidificarsi. Togliere quindi dal fuoco e unirvi le mandorle e le nocciole spezzettate.
Sistemare uno strato di ostia (rettangolare come la classica forma del torrone) sul piano di lavoro, quindi rovesciarvi delicatamente il composto fino a ricoprire tutta l'ostia. Coprire con un altro velo di ostia e aspettare che il torrone si sia raffreddato e solidificato prima di servirlo.

[photo courtesy of ThinkStock]

torrone morbido ricetta festaEsistono davvero moltissime varianti di questo dolce, che indipendentemente dalle sue origini nel nostro paese fa ormai parte della tradizione natalizia. C’è chi ama quello duro e croccante e chi preferisce la versione come quella che proviamo oggi, quella morbida. E anche gli ingredienti di composizione possono essere diversi, infatti alle nocciole provate a sostituire i pistacchi (non salati), vedrete che bontà!

Un’ultima curiosità per quanto riguarda il nome, riferita alle origini campane del dolce: il verbo torreo significa abbrustolire, il nome torrone potrebbe quindi stare ad indicare la tostatura delle mandorle e delle nocciole inserite nell’impasto.

Commenta!

Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

Articoli Correlati
Torrone di cioccolato con le mandorle

Torrone di cioccolato con le mandorle

Quando si avvicinano le feste natalizie inizia anche la nostra ricerca per i dolci di Natale più buoni da preparare. Molti di noi hanno del tempo a disposizione durante tutto […]

Lo strudel con frutta secca per Natale

Lo strudel con frutta secca per Natale

Cosa c’è di meglio di un dolce ricco ed invitante per Natale come è lo strudel? Io direi niente, soprattutto se per l’occasione si reinventa, ovvero niente più mele, uvetta […]

Dolci di Natale, il certosino delle Sorelle Simili

Dolci di Natale, il certosino delle Sorelle Simili

Ho questo libro in casa che tengo come una reliquia, come una fonte di segreti e trucchi in cucina tramandati da generazioni. Si tratta del libro delle Sorelle Simili “La […]

Le palline al mascarpone

Le palline al mascarpone

Ecco una vera delizia da proporre ai più piccini, le palline al mascarpone! Ottime per una festa di compleanno ma anche per una merenda a sorpresa, adesso che la scuola […]

Torrone al cioccolato

Torrone al cioccolato

Questa ricetta permette di fare un buonissimo torrone al cioccolato con le nocciole. Delizioso dolce perfetto per questa stagione. Si conserva fino a quindici giorni quindi volendo potete anche pensare […]