Menta, curativa e rinfrescante

 
Manuela Bianchi
19 agosto 2011
Commenta

menta

La menta è una pianta di tipo erbaceo, appartenente al genere Mentha della famiglia delle Labiate. Ne esistono numerose varianti, ma le più note e utilizzate, sia in medicina che in cucina, sono la menta piperita, quella romana, quella acquatica e la mentuccia. Caratterizzata da fiori di colore rosa acceso e foglie verde scuro, la pianta di menta, a seconda della tipologia specifica, ha un’altezza che può variare da pochi centimentri ad un metro, è resistente e non ha bisogno di cure particolari: questo fa sì che, se lasciata crescere liberamente, possa diventare infestante.

Adatta a terreni di tipo pianeggiante, la menta è in grado di prosperare fino ad altitudini di 700 metri e superare stagioni invernali anche piuttosto rigide. La menta è conosciuta da tempo immemore: il mentolo, olio estratto dalla pianta di menta ed impiegato sia nella preparazioni di profumi che di medicinali, era usato in Giappone già 2000 anni fa.

La composizione della menta conta forti quantitativi d’acqua, di fibre, di proteine e di minerali, soprattutto calcio, sodio, fosforo, magnesio, rame e potassio. Sono presenti anche percentuali discrete di vitamine, in particolare dei gruppi A,B,C e D. Quanto alle proprietà terapeutiche attribuite alla menta, c’è da dire che il mentolo ha un’azione stimolante sull’intestino ed è quindi utile contro i disturbi gastrointestinali: il mentolo ha anche qualità analgesiche, è tuttavia strettamente consigliabile non superare un certo quantitativo perché una somministrazione eccessiva potrebbe influire negativamente sul sistema nervoso.

Questo potere sedativo resta comunque estremamente efficace nella cura dei malesseri come mal d’auto e mal di mare. Un infuso preparato con 30 gr di foglie fresche di menta in 1 litro d’acqua è inoltre ottimo contro diarrea, insonnia, difficoltà di digestione e stati di debolezza persistenti. In cucina la menta, che fornisce circa 41 calorie ogni 100 grammi, si rivela un ingrediente versatile: molto apprezzato in coppia con il cioccolato, è ottimo soprattutto per preparare tisane, budini, crostate, torte, gelati, semifreddi, granite e mousse.

Commenta!

Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

Articoli Correlati
Banana, un morso di dolcezza nutriente

Banana, un morso di dolcezza nutriente

La banana è un frutto che nasce da un tipo di pianta appartenente alla famiglia delle Musaceae. Originaria del Sud-est asiatico e in particolare dell’Indonesia, molto anticamente la si localizza […]

Fico, ricaricatore naturale senza colesterolo

Fico, ricaricatore naturale senza colesterolo

Il fico (ficus carica) è un frutto che può decisamente dirsi un ottimo amico del cuore, perché molto ricco di polifenoli, ovvero antiossidanti naturali particolarmente utili nel contrastare affezioni di […]

Lime, frutto esotico della Malesia

Lime, frutto esotico della Malesia

Il lime (Citrus Aurantifolia) è un frutto asiatico originario della Malesia e dell’India: l’Occidente, che lo ha declinato come ingrediente principe di diversi cocktail celebri (per esempio la Caipirinha, il […]

La mora, il frutto dalle sottospecie infinite

La mora, il frutto dalle sottospecie infinite

Andando a cercare informazioni sulla mora sono rimasta colpita, per non dire scioccata, dall’incredibile numero di sottogeneri e sottospecie di questa pianta. La mora, conosciuta come Rubus, ovvero la mora […]

Pesca, il frutto sacro dell’infanzia

Pesca, il frutto sacro dell’infanzia

La pesca è il frutto dell’albero di pesco, che fa parte dell’ordine Prunus, come l’albicocco, e il nome specifico della sua specie è Prunus Persica. Parlando di pesche apriamo immediatamente […]